mercoledì 28 febbraio 2024

Edge of Spider-Verse (vol. 4) n. 1 - review

La storia di apertura di Edge of Spider-Verse (vol. 4) n. 1, Weapon VIII di Collin Kelly e Jackson Lanzing (disegni di Travel Foreman), trova Wolverine in fuga in una foresta innevata. Mentre i resti dei mezzi a cui era collegato del progetto Weapon Plus indicano esattamente in quale periodo è ambientata la storia, l'introduzione dell'Arma VIII, simile a un ragno, rende chiaro che questa è ben lontana dall'essere la stessa storia che i fan di Wolverine conoscono fin troppo bene.

L'evento originale Spider-Verse della Marvel Comics è iniziato con il Multiverso che abbraccia Amazing Spider-Man n. 9 dello scrittore Dan Slott e dell'artista Olivier Coipel. Pubblicato nel 2014, il numero ha introdotto una serie di nuovi Spider-Totem, comprese le versioni alternative di Ben Reilly e Peter Parker rispettivamente nei panni di Spider-Man e Captain Universe dei loro mondi. Gli eroi furono riuniti per affrontare la minaccia degli eredi quasi immortali come Morlun.

Essi sopravvivevano grazie alle forze vitali di coloro che recavano in sé uno spirito totemico. La quarta serie di Edge of Spider-Verse, come i suoi predecessori, è una collana antologica che offre ai lettori scorci su varie realtà alternative, in cui è presente uno Spider-Totem. Anche se Weapon XIII é il primo di questi, l'edizione ha come protagonista lo Spider-Byte digitalizzato nella storia "The Glitch" di Nilah Magruder e dell'artista Eric Gapstur, nonché l'Uomo Ragno del 2099.

Nessun commento:

Posta un commento